Comune di Contursi Terme >>Costituito l’ufficio di piano per la redazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale

RSS di - ANSA.it

Costituito l’ufficio di piano per la redazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale

Porta la numero 206 la delibera con la quale, nella seduta del 12 novembre scorso, la Giunta Comunale ha provveduto a costituire l’Ufficio di Piano per la redazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale della Città. Si tratta di un adempimento previsto dalla legge regionale n. 16/2004 per il quale l’incarico di progettista e di responsabile unico del procedimento è stato conferito internamente all’Arch. Gabriella Landi, responsabile dell’ufficio “Edilizia e Lavori Pubblici”. All’Ufficio di Piano competono le funzioni di:

·         raccordo nella costruzione del quadro delle conoscenze territoriali;

·         relazione con i Comuni limitrofi, con la Provincia, la Regione e ogni altro ente pubblico per la promozione delle attività di concertazione interistituzionale finalizzate, durante il processo di formazione del piano alla condivisione delle conoscenze e degli indirizzi del piano;

·         relazione con le organizzazioni rappresentative delle attività economiche, associazioni di categoria, associazioni ambientaliste e con i cittadini per garantire la partecipazione civica nel processo di formazione e attuazione del piano ;

·         gestione e futuro aggiornamento, durante l’attuazione del piano, del quadro delle conoscenze territoriali;

·         illustrazione dei metodi adottati per la costruzione del quadro conoscitivo e diffusione degli obiettivi fissati e delle azioni individuate ;

·         controllo dell’attuazione del piano anche attraverso il supporto tecnico operativo alla attivazione delle diverse azioni sia di competenza dei soggetti pubblici che privati.

 

nella redazione del P. U. C. si contempleranno due fasi, secondo l’articolazione stabilita dalle disposizioni normative e legislative vigenti nella Regione Campania, ed in particolare così come definita dal “ Quaderno n. 1 del manuale operativo del regolamento n. 5 del 04.08.2011”, pubblicato sul sito della Regione Campania il 24.01.2012 e articolate nel modo seguente:

- Preliminare del P. U. C.,  piano strutturale costituito dai seguenti elementi:

a) Quadro Conoscitivo, quale elemento costitutivo degli strumenti di pianificazione urbanistica, per la rappresentazione organica dello stato del territorio e la valutazione dei processi evolutivi che lo caratterizzano, costituendo il riferimento necessario per la definizione degli obiettivi e dei contenuti del piano e per la valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale;

b) Documento Strategico con il quale saranno definiti :

·        gli obiettivi generali e le scelte di tutela e valorizzazione degli elementi di identità culturale del territorio urbano e rurale ;

·        la trasformabilità ambientale e la potenzialità insediativa del territorio comunale, inclusa l’adozione di principi e criteri perequativi e compensativi da implementare ed attuare nel piano programmatico operativo;

·        gli obiettivi quantitativi e qualitativi delle dotazioni territoriali ;

·        le relazione di coerenza degli obiettivi generali che si intendono perseguire con i contenuti del P. T. R. e del P. T. C. P.;

c) Rapporto Preliminare ambientale sul quale si fonda la VAS, finalizzato ad individuare i possibili impatti ambientali significativi conseguenti all’attuazione del Piano, e mediante il quale l’Autorità procedente entra in consultazione, sin dalla prima fase di elaborazione del Piano, con l’Autorità competente e con gli altri Soggetti competenti in materia ambientale, al fine di definire la portata ed il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale .

- Definitivo del PUC, a sua volta costituito da :

a) Piano Strutturale, che avrà il compito di approfondire il quadro conoscitivo, descrittivo e propositivo, finalizzato alla definizione delle specifiche politiche territoriali in riferimento sia al P. T. R. che al P. T. C. P., nonché agli altri strumenti territoriali sovraordinati. In particolare il Piano strutturale rappresenterà le parti più significative del territorio, nel quale diventi immediato e diretto il percorso di riconoscimento e connotazione delle condizioni geografiche, ambientali fisiche paesaggistiche infrastrutturali e socio economiche;

b) Piano Operativo, che avrà il compito di dettagliare le scelte progettuali definite nel piano strutturale, studiare la sfera regolamentare e normativa, assemblando le leggi e le disposizioni che dovranno governare e disciplinare le trasformazioni urbane, provvedendo ad armonizzarle fra loro. In particolare il Piano Operativo stabilirà i criteri per gli interventi di trasformazione del territorio, ivi compresi quelli di natura privata, da realizzarsi anche con apporti convenzionali e o procedure negoziate secondo criteri di natura perequativa;

c) Rapporto Ambientale, con il quale saranno definiti e valutati gli impatti significativi che l’attuazione del piano potrà avere sull’ambiente e sul patrimonio culturale e paesaggistico, in merito alle possibili alternative che potranno adottarsi in considerazione degli obiettivi e della portata del piano .

d) Relazioni specialistiche in materia idrogeologica, agronomica e di zonizzazione acustica, le cui risultanze andranno considerate dalle previsioni urbanistiche del piano, al fine della coerenza e compatibilità delle scelte con le problematiche emergenti nei diversi settori di indagine.

Per la redazione del PUC, quali compensi professionali, sono stati stanziati, inizialmente, 40 mila euro. Entro la fine dell’anno si procederà all’approvazione degli atti preliminari.

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 6.445 secondi
Powered by Asmenet Campania