Comune di Contursi Terme >>Nell'ultimo consiglio comunale dell'anno approvato l'ennesimo elenco di debiti prodotti dalla passata amministrazione

RSS di - ANSA.it

Nell'ultimo consiglio comunale dell'anno approvato l'ennesimo elenco di debiti prodotti dalla passata amministrazione

In un Consiglio comunale riunitosi la vigilia di Natale che ha visto la presenza dei soli consiglieri di maggioranza, sono stati esaminati ed approvati sette punti relativi e debiti fuori bilancio prodotti dalla passata amministrazione che riguardavano sentenze, ordinanze e decreti ingiuntivi per svariate forniture effettuate precedentemente senza rispettare le norme relative agli impegni di spesa ed alla copertura finanziaria. Doverosamente, il Consiglio Comunale, ai sensi di legge, ha dovuto riconoscere detti debiti, corredati del parere favorevole del Revisore dei Conti per evitare all'Ente di subire una procedura esecutiva di pignoramento con ulteriori aggravi di spesa. Si tratta dell'ennesimo manovra che si è resa necessaria per pagare debiti fatti precedentemente sottraendo, evidentemente, risorse finanziarie al bilancio di previsione nell'esercizio corrente che potevano essere utilizzare per spese di pubblica necessità ed utilità. Tuttavia, l'esercizio finanziario di competenza 2013, nonostante la manovra in atto di risanamento dei conti e di ripianamento dei vecchi debiti per milioni di euro, si è chiuso con una avanzo di competenza e con sufficienza di cassa che ha consentito di pagare quasi tutte le forniture correnti, gli stipendi, le tredicesime, le rate dei mutui precedenti e quelli relativi all'anticipazione relativa al riequilibrio finanziario, senza particolari sofferenze. Un vero e proprio miracolo finanziario che non ha precedenti nella storia amministrativa cittadina. Il Comune e l'intera Città, dopo i disastri del passato, stanno uscendo davvero a testa alta, recuperando credibilità e dignità. Merito del lavoro serio e responsabile degli amministratori e degli uffici che, con impegno quotidiano sono riusciti a rimettere i conti a posto, a pagare tutti i creditori certi, a controllare la spesa e le entrate evitando sprechi e spese inutili e, soprattutto, non aumentando, neanche di un solo centesimo, la pressione fiscale ai cittadini che rimane una delle più basse in assoluto di tutta Italia.  

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 4.717 secondi
Powered by Asmenet Campania