Comune di Contursi Terme >>Per Melissa

RSS di - ANSA.it

Per Melissa

57° DISTRETTO SCOLASTICO DI EBOLI
ISTITUTO COMPRENSIVODI SCUOLA DELL’INFANZIA, PRIMARIA
E SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Per  Melissa

No, non possiamo tacere.

Non possiamo far finta di niente.

Non possiamo distrattamente recitare parole di circostanza.

Di fronte a tanto orrore, la nostra ”deontologia” ci impone di gridare al mondo intero il nostro sdegno e la nostra netta condanna a quanto successo a Brindisi.

La logica violenta ha voluto colpire al cuore la scuola italiana.

La mano criminale ha voluto seminare la morte nel luogo del domani e della speranza.

“ Il drago cattivo” ha voluto spaventare gli innocenti e gli indifesi.

“ L’antagonista malvagio” ha voluto spegnere il sorriso schietto e sincero della spensieratezza.

Melissa, il fiore di primavera appena spuntato, bello colorato e profumato, è stato reciso.

Noi che quotidianamente insegniamo l’arte del vivere civile,della tolleranza e del dialogo, costernati e in lacrime, non possiamo permettere che qualcun  altro possa far del male ai nostri alunni, qualunque siano le ragioni e chiunque esso sia.

I giovani, loro no, non si toccano. Oggi, ancor di più sentiamo  forte l’impegno verso  questi  409 alunni che ci sono stati affidati nel difficile compito dell’educazione.

Siamo spiritualmente stretti  agli alunni e ai  colleghi dell’istituto professionale Morvillo Falcone, così duramente provati,  e  a tutti  gli  insegnanti d’Italia.

All’unisono con  loro e con forte  determinazione convergeremo  i  nostri sforzi per la formazione di coscienze libere e democratiche affinché mai più nessun “lupo cattivo”  rompa  l’incantesimo del sogno di un’adolescente gioiosa ed entusiasta della vita. E’ l’unico modo questo per onorare la tua morte, piccola, innocente, ignara Melissa.

 La preside e tutta la comunità educante dell’Istituto Comprensivo di Contursi Terme

 

 

__________________________

 

 

Ci sentiamo di condividere in tutto il pensiero della nostra scuola. I giovani rappresentano la speranza più bella di ogni società. Il futuro, la libertà.
Quando si colpiscono i giovani vuol dire che una società rischia di perdere quel sentimento minimo di amore e di solidarietà sul quale si deve reggere l'essenza stessa della democrazia. Allora è il momento di alzarci tutti in piedi e di gridare forte il nostro sdegno e la nostra condanna.
L'Amministrazione Comunale    

 

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 5.732 secondi
Powered by Asmenet Campania