Trasparenza valutazione e merito

TASI

Calcolo Tasi

SUAP ON-LINE

opensuap

Progetto ALI

Progetto ALI

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Elenco bandi

Nascondi bandi scaduti
BANDI IN PRIMO PIANO

Elenco concorsi

Nessun concorso presente in archivio

Linea Amica

Linea Amica

Livestream

Segui il Consiglio Comunale

Agenda eventi

Blocco non ancora configurato!

RSS di - ANSA.it

NEWS

  • Scopri le bellezze di Contursi Terme e del territorio

>>> clicca qui <<<


 

 

Lavoriamo TUTTI per la formazione di una cultura del rispetto e della parità di genere

il 24 e il 25 novembre a Contursi Terme

Scuola Istituzioni Comunità

 

 

 

2425

 


 


7

 

 

 

Il Sindaco Lardo rieletto per la seconda volta nel direttivo regionale ANCI


 

Partecipa al premio per l'imprenditorialità femminile

 

 

Il Beato Mariano Arciero presto nella Diocesi di Cassano

Cassano

 

 

Stanziati finalmente gli otto milioni e ottocentomila euro dalla Regione per la realizzazione del centro per la dieta mediterranea al Parco delle Querce. Il Sindaco firma la convenzione 

 

 

SFILATA DI ATLETI ALLA NONA EDIZIONE DELLA "CENTO SORGENTI" RICORDANDO GERARDO CONTE

 

 

tasi

 

 

 

 

 

1

 

LETTERA ASI PER RIFIUTI TUFARO

 

 

 

VIDEO PROMO CONTURSI TERME

  

 

 
 
       
 
 
 
 
 
 
 
IMU 
 
 
 
 
 
 
* news * news * news * news *
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Il Comune di Contursi Terme tra i primi enti in Italia approva il suo codice etico per amministratori e dipendenti

 

c

 

 

 

  

 Contursi Terme sceglie la strada del riequilibrio anzichè del dissesto.

 

 

 

 

 

 

________________________________________________________________________________________

AVVISO PUBBLICO PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL’ARCHITETTURA ED ALL’INGEGNERIA DI IMPORTO PRESUNTO INFERIORE
AI SENSI DELL’ART. 267 COMMI 2 E 3 DEL D.P.R. 207/10 PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI CUI ALL'ALLEGATO II A DEL D. LGS. 163/06 (CPC 867) DI IMPORTO PRESUNTO FINO AL LIMITE DI CUI ALL’ART. 91 C. 2 DEL D. LGS. 163/06

 

doc1 - doc2 - doc3 - doc4 

_________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

eden

 

 

 

p 

 

 

*****************************

  

M

 

 

  

Orario di apertura al pubblico degli uffici

Dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e il martedì e il giovedì dalle ore 15,30 alle ore 17,30. Gli sportelli "ricezione protocollo", "sportello scolastico" per il ritiro Ticket mensa scolastica e scuolabus e "sportello anagrafe e stato civile", invece, rimangono aperti tutti i giorni dalle ore 8,15 alle ore 14,00 e il martedì dalle ore 15,15 alle ore 18,00.

In Primo Piano

Nessuna notizia presente

La Storia

Contursi Terme visto da Saginara

LA STORIA  

Le origini. Gli storici ne fissano la nascita nell'anno 840 quando Orso1, conte di Conza, volle garantire Salerno2 con la presenza di un avamposto militare sulla collina che dominava l'intera valle, intorno alla confluenza dei fiumi Sele e Tanagro, da sempre storicamente soggetta a facili scorribande di varie soldataglie e pericolosi fuoriusciti. Sorse, così, un probabile castrum Comitis Ursi3da cui l'attuale toponimo Contursi. È probabile che piccoli nuclei famigliari (pastori, pescatori, coltivatori), sparsi nella valle e aggregati in anonimi vicus pagus4grotte5 e capanne, rassicurati dalla presenza militare decidessero di costruire abitazioni intorno al castrum.

     Periodo longobardo (...-1077) Contursi faceva parte del gastaldato6 di  Conza. Nel 1020 fu concesso in feudo ad Umfredo, conte di Campagna, dal suocero Guaimario principe di Salerno. In seguito passò al figlio Riccardo (1059) che, tradendo la sua gente, si unì ai normanni.

 

    Periodo normanno (1125-1191)

Nello stesso luogo del castrum longobardo si costruì un Castello in pietra e si  provvide alla chiusura del paese con robuste e alte mura di cinta. A Riccardo successe il figlio Giordano e, in seguito, il figlio Giordano II (1075). Successivamente: Geroldo di Contursi nel 1090; Roberto di Principato nel 1138; Nicola di Principato nel 1141; Lampo di Fasanella nel 1144; Arnaldo de Contursio (la metà di Contursi), Riccardo Maledetto e Riccardo figlio di Guglielmo (l'altra metà) nel 1166.

 

   Periodo svevo (1192-1264)  sviluppo urbano verso ovest (Chiesa Madre).

     1227 Ugo di Contursi.

     1263 (sino al) Filippo di Contursi

     1263 Galvano Lancia

     1266 Enrico di Taurasia (terza parte); Jacopo di Contursi e ai fratelli di don Filippo di Contursi (la metà); Pandolfo            di Contursi (il restante).

     1269 Pandolfo di Fasanella con Enrico di Taurasia e Andrea Lagotheta.

  •  nel 1271 il paese fu tassato per 22 fuochi (un centinaio d'abitanti)

 

       Periodo angioino (1265-1442)

 

    1241 e sino al primo decennio del 1400 alla famiglia Sanseverino.

  • Inizio sviluppo urbano per borgo S. Michele, Portello,Piazza, sotto S. Barbara.

     1410 famiglia Origlia

  • inizio sviluppo urbano per borgo S. Antonio, S. Sofia, S. Giovanni, Crocevia.

    1421 Predicasso Barile, governatore nominato da Giovanna II.

 

    1426 famiglia Sanseverino principi di Bisignano.

  • inizio sviluppo urbano borgo San Leo. Si contano 136 fuochi (circa 600 abitanti).

       Periodo aragonese (1443-1503) 

 

      1458 famiglia Gesualdo, principi di Venosa e conti di Conza

 

       Periodo del vicereame spagnolo (1503-1734) 

    

     1528 famiglia Caracciolo duchi di Martina

  •    "Verso la metà del 1500 questa Terra fu onorata dall'Imperatore Carlo V, il quale passò per Contursi e per l'Auletta, e in Contursi nobilitò quei cittadini dicendo <<nobilitamus omnes cives Contursinos>> e perciò li cittadini di questa Terra s'in al presente giorno se vanno manutendo dicendosi Nobili..." (Cronista conzana, cap. 11, discorso I - manoscritto inedito a. 1691)

      1637 Nicolò Ludovisi principe di Venosa

      

      1664 G. Battista Ludovisi principe di Venosa

 

      1674 famiglia Parisano marchesi di Caggiano e Contursi

  • Nel 1601 fuochi 400 (circa 2000 abitanti) - sviluppo urbano del borgo Carmine. Nel 1669 (dopo la peste del 1656-57) i fuochi si ridussero a 165 (circa 700 abitanti). 

 

        Periodo borbonico (1735-1830)

       

      sino al 1823 (tranne il decennio napoleonico) famiglia Parisano

  •      Sviluppo urbano piazza Portella, San Vito, S. Maria del Soccorso. Nel 1691 circa 1034 abitanti; nel 1797 circa       2800 abitanti; nel 1812 circa 2440 abitanti)

 

 

1Tiene la contea di Conza dall'822 all'849 quando fu trucidato in una imboscata da una prezzolata banda di mercenari saraceni. Sposò una figlia del duca Sicone (833) e, quindi, era cognato del figlio Sicardo (839) e Siconolfo per il quale (con altri nobili longobardi) guerreggiò contro Radelchi, usurpatore del Ducato di Benevento.

 2 Nello stesso anno (840) è la capitale del neo-nato Principato di Salerno formatosi a seguito di una guerra intestina tra i Longobardi a causa della successione al duca di Benevento Sicardo. La separazione dal Ducato di Benevento impose un nuovo e più capillare controllo del territorio e della nuova capitale Salerno (come era usanza presso i longobardi). Così sorsero lungo il fiume Sele numerosi castelli.

3Accampamento militare (o fortezza) del Conte Orso.

4Villaggi minimi.

 5Ancora oggi presenti in numero elevato in tutto il territorio.

Circoscrizione amministrata da un Gastaldo per conto del re.

 

     

    

      a cura di Franco Pignata

Grotta del Rosario - cenni storici

Grotta del RosarioLa grotta del Rosario è stata scoperta il 21 luglio 1992 alla località Isca Perrigno di Contursi, lungo la strada vicinale del Cappellazzo. La grotta esposta a mezzogiorno, è prospiciente il fiume Tanagro dal quale dista appena 200 metri.

 

Presenta all'interno delle nicchie e segni di scalpellamento. All'esterno vi sono altri segni prodotti con corpi contundenti ed al lato destro di chi guarda, a m. 2,25 dall'ingresso, è scolpito nella parete calcarea un volto umano dalle seguenti dimensioni: larghezza massima m. 1,60; altezza totale del viso m. 0,95; altezza della faccia m. 0,70; larghezza bizigomatica m. 1,50; larghezza bipalpebrale interna cm 18; occhiaia: larghezza cm 23, altezza cm 25, profondità cm 21; lunghezza del naso cm 30 più cm 10 del setto. La bocca, sebbene sembra di misura adeguata, non è stata misurata in quanto piena di terriccio. Dal piano campagna, allineato a quello dell'ingresso della grotta, la scultura si trova alta 60 cm. 

 

Quasi certamente ci troviamo di fronte ad una scultura rupestre di significato apotropaico che, secondo la credenza delle popolazioni neolitiche del Materano, della Puglia e della Sicilia, serviva ad allontanare dal posto l'influenza magica maligna.

Questa concezione dei Neolitici scaturiva forse dalla loro indole buona: essi erano contrari ad ogni forma di violenza e convinti che una vita fatta di lotte non assicurava il raccolto. E in questo modo di pensare nasceva il timore per le avversità, sia che venissero dall'Uomo sia che venissero dalle forze malefiche del mondo occulto. Quindi facevano ricorso ad uno spirito tutelare, legato al loro gruppo da una parentela d'essenza, cercandolo nell'antenato mitico, il cui volto lo stilizzavano sulla roccia ed in esso si concentrava il potenziale del gruppo stesso. E' in questo senso di dipendenza del gruppo dallo spirito tutelare che quest'ultimo rivelava una dimensione religiosa, pur non essendo un dio. Di questi volti umani stilizzati sulla roccia in prossimità di insediamenti neolitici, sino ad oggi, ne sono stati scoperti altri due: il primo sul crinale roccioso della sponda sinistra del Basento, all'altezza di Albano di Lucania (PZ) ove sono stati rinvenuti alcuni manufatti in selce d'età neolitica, il secondo alla confluenza dei due colli Metagrande e Metapiccola a sud di Carlentini (SR), dov'era un antico insediamento detto Xoutia dai Siculi.

 

Sulla base di ciò, ci troviamo di fronte ad una vera e propria cultura dell'apotropaismo, di matrice orientale, bene affermata nell'Italia centro-meridionale. E che, pertanto, gli autori delle anzidette sculture rupestri siano da ricercare fra le prime popolazioni neolitiche giunte fra la metà del VI  e la metà del V millennio a.C.

 

(Damiano Pipino, Contursi Eneolitica, 1994)

 

 

 

"Il linguaggio delle pietre aiuta a comprendere l'universo fisico che vediamo

 

intorno a noi, da cui muove una rassegna di luci e di ombre, di verità e di errori

 

attraversati dal pensiero umano nella lunga marcia alla scoperta di Dio".

 

 

                                                                                                                  Damiano Pipino

 

 

 

MiBAC150iic
HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 2.27 secondi
Powered by Asmenet Campania